pullarasicomplimentaconladirigenzadellicatacalciocomplimenti a chi ha lavorato in prima linea, senza tanti proclami e facendo cose concrete.

“Lavoro, perseveranza e passione, sono essenziali per il conseguimento di importanti obiettivi.
Sono passati più di due anni da quando l’amico Massimino presidente del Licata calcio mi chiese un aiuto concreto per la gestione della squadra.”
Sono le parole dell’onorevole del gruppo parlamentare “Prima l’Italia” Carmelo Pullara.
“Oltre alla ricerca di sponsor – spiega Pullara – era necessario rafforzare la dirigenza con soggetti che potessero parlare con gli enti pubblici e gestire gli aspetti tecnici. Fu individuata la figura del dott. Giorgio Peritore che , a mio parere, è sicuramente la persona adatta per questo ruolo.
Fondamentale è stato il suo operato nell’ aver curato e seguito l’iter per l’affidamento delle strutture tecniche dello stadio Dino Liotta, date in concessioni dal comune alla società Licata calcio per 15 anni.
Grazie a questo lavoro della società si è anche concertato sull’iter del finanziamento statale di 1,5mil ottenuti dal comune per il rimodernamento dello stadio, che permetterà una sicura crescita del progetto Licata calcio.
Il progetto sarà elaborato dal comune di Aidone il quale, grazie ai buoni rapporti che ha saputo costruire il dirigente Peritore con le due amministrazioni, ha sposato la causa, e grazie anche al dirigente dell’ufficio tecnico di Aidone l’architetto Alesci .
In fine, senza far polemica, ricordo quando fu ufficializzato l’ingresso in società del Licata calcio del succitato Peritore e dell’ex assessore Antonio Pira, qualcuno disse che la politica entrava a gambe tesa nel Licata Calcio e a causa della vicinanza all’onorevole Pullara e di conseguenza in opposizione a questa amministrazione molto probabilmente sarebbe saltato tutto il progetto stadio.
Dì fatto – conclude Pullara – è stato grazie al lavoro di squadra se si sono risolti tutti i vari problemi che sono nati e si è finalmente raggiunta la convezione fra i due comuni, complimenti a chi ha lavorato in prima linea, senza tanti proclami e facendo cose concrete. Forza Licata.”