pippospataronominatoresponsabileregionalecittadinanzattiva

Pippo Spataro e’ stato nominato responsabile regionale di CittadinanzAttiva.

“Apprendiamo -scrive il Coordinatore dell’assemblea di Agrigento Giovanni Principe-da parte del segretario regionale di Cittadinanzattiva Concetto Trifilò, da poco eletto, della giusta nomina di Pippo Spataro come Responsabile Regionale in una delle reti più importanti della nostra associazione, uomo fattivo e di punta della nostra assemblea di Agrigento Siamo molto contenti di questa giusto incarico, che ci inorgoglisce e ci rende più importanti dentro la nostra associazione, fatta di persone che ogni giorno aiutano tutti coloro che non hanno voce ad avere più giustizia, più peso ed essere più cittadini europei, in una società dove spesso coloro che detengono poteri forti dimenticano volutamente coloro che non hanno la forza e i mezzi per potere farsi valere. Da oggi, tutti i cittadini utenti e consumatori avranno una persona a chi rivolgersi per dipanare situazioni complesse e poco chiare. Siamo molto soddisfatti di questa nuova investitura, perché Pippo Spataro incessantemente e non solo nella nostra associazione ha combattuto le ingiustizie il malaffare le incongruenze, dando da sempre un tocco di correttezza e di legalità. Siamo altresì molto compiaciuti di questa designazione, perché Pippo Spataro uomo probo, interverrà sicuramente, cosi come ha fatto sempre in tutta la nostra regione, visto che la sua è una investitura regionale, che gli darà modo di intervenire in tutto il territorio siciliano, dove si nasconderanno opacità e ingiustizie per potere dare più correttezza e integrità, grazie anche all’impegno di un gruppo di avvocati di fiducia che collaboreranno a fianco dello stesso, in questa nostra società siciliana dove gli interessi di pochi spesso prevalgono sugli interessi di tutti. A Pippo Spataro, vanno i nostri migliori auguri, non solo da parte dell’assemblea di Agrigento ma anche da parte di tutta Cittadinanzattiva, di un proficuo lavoro con la collaborazione e l’aiuto di tutte le assemblee siciliane”